Convegno E/G Bracciano

Ciao a tutti,
stasera Michela Peretti (RZ) mi ha comunicato che c'è la possibilità per due capi reparto (preferibile diarchia) della nostra zona di partecipare al convegno nazionale sullo scouting che si terrà dal 15 al 17 maggio a Bracciano. Mi sembra scontato dire che la partecipazione a questo convegno potrebbe risultare proficua per la programmazione delle attività di zona per l'anno prossimo. Vi invito a comunicarmi al più presto le vostre disponibilità (io sono inserito in una delle Squadre che probabilmente partiranno in Abruzzo proprio il 15), Michela mi diceva anche di un possibile aiuto economico da parte della zona.
Qui sotto trovate l'articoletto sul Convegno preso dal sito Agesci...
Ciao Ste

.hmmessage P { margin:0px; padding:0px } body.hmmessage { font-size: 10pt; font-family:Verdana }

Forum E/G "Semplicemente Scout" - Bracciano 15-17 maggio 2009

20/01/09 - Incaricati Nazionali E/G

Per rispondere all’Obiettivo B1 del Progetto Nazionale: “Vivere lo scouting nel procedere lungo la pista, il sentiero e la strada, per assumere un atteggiamento critico nei confronti della realtà quotidiana, senza accontentarsi di risposte comode” (Priorità 2 WOSM – Supporting Adult Volunteers + Priorità 3 WOSM – Developing our Organization) (Goal 1 WAGGGS – Leadership Development + Goal 2 WAGGGS – Strong and Growing Organizations)” e le riflessioni fatte con gli Incaricati Regionali di Branca E/G abbiamo pensato ad una proposta di rilancio dello Scouting che coinvolgesse l’intera.

È nota, inoltre, l’attenzione della branca alla dimensione dell’avventura, l’intento di sollecitare l’adozione di tutte le tecniche di vita all’aperto e la particolare considerazione della centralità del campo estivo. Un tema ideale anche per valorizzare il supporto dei settori, “osservatori permanenti” dello stato di diffusione e applicazione del metodo, nonché custodi del patrimonio delle tecniche, dei valori, delle “sensibilità”  e delle tradizioni culturali e pedagogiche del nostro scoutismo.

Ne è derivata la scelta di un’azione per centrare questo obiettivo attraverso esperienze dirette ed autentiche di “esplorazione”, prima di ciascuno dei tre ambienti - nell’ottica di riconoscerne le ‘sfide’ e sperimentarne concretamente la possibilità di coglierle - poi  del nostro metodo educativo, per riconoscere le risorse dello scouting, il potenziale di novità e di efficace risposta alle emergenze educative di questo tempo. Per questo occorre essere pronti all’avventura, a sperimentare la semplicità e l’essenzialità, a vivere la solidarietà, mettendo alla prova la propria disponibilità a fare uso delle tecniche scout.