#SanGiorgio2013 #Pantere #Capoterra2 Articolo per #IlPortico @diocesicagliari @pgcagliari

Dal Portico del 3 Marzo 2013 un articolo delle Pantere del Capoterra 2 realizzato come impresa per il #SanGiorgio2013

Scout. “le pantere” di Capoterra raccontano la loro esperienza e si preparano al “San Giorgio”, un campo speciale.

Non uno sport, ma un autentico stile di vita

Quando un sentiero rappresenta l’esistenza

Tutti i reparti della zona di Cagliari si ritroveranno per ricordare il Patrono. Sono iniziate le attività preparatorie all’evento: così i diretti protagonisti ci raccontano l’avventura

ESTOTE PARATI questo è il motto dei Reparti: delle Guide e degli Esploratori. Si, perchè bisogna essere preparati ad ogni evenienza; prenderla sempre per il verso giusto, non scoraggiarsi mai e dare sempre del proprio meglio. Molti pensano che fare scautismo significhi soltanto indossare un fazzolettone, fare le preghiere e andare in chiesa; ma è molto di più. Essere scout significa rinunciare all'essenziale per calarsi in nuove avventure che vanno oltre i cellulari e tutte le comoditá, significa conoscere nuove persone che hanno qualcosa in comune con te e camminare sul tuo sentiero con loro. Essere scout significa non vergognarsi di indossare una uniforme cosí fuori dal comune, significa cantare e essere felici anche quando si é stanchi e non si ha piú forza di camminare.

Lo scoutismo è un mondo fantasti co dove ognuno è libero di esprimere se stesso, di acquisire competenze, di vivere il mondo in modo critico, di ragionare su se stesso e di aiutare gli altri senza pretendere niente in cambio. Lo scautismo non é uno sport come il calcio, la danza, non é come andare al bar con gli amici, ma è un insieme di scelte che formano una persona, uno stile di vita che viene o almeno dovrebbe essere applicato sempre, non solo quando si indossa l'uniforme. All'interno del reparto e delle squadriglie nascono rapporti di amicizia e d'intesa che non potrebbero crearsi in altre situazioni, perchè è un rapporto davvero forte e reale.

Ma il momento in cui entriamo veramente a far parte della grande famiglia mondiale degli scout é quando facciamo la promessa. Grazie a essa riceviamo diversi strumenti che ci accompagnano in tutto il nostro sentiero: il fazzolettone, che rappresenta noi stessi, la nostra promessa e il nostro Gruppo; il rosario, che rappresenta la nostra amicizia con Dio. Come diceva il nostro fondatore, Baden Powell, "lo scautismo è per tutti ma non tutti sono per lo scautismo". Per esempio, molte volte ci si ritrova a parlare con bambini scout e non scout e fidatevi, si vede la differenza. Hanno mentalità completamente diverse e chi non ha mai fatto scautismo non saprá mai cosa vuol dire guardare le stelle la notte seduto vicino a un fuoco, non saprá
mai cosa significa dormire nella tenda con il sacco a pelo. A parer nostro un ragazzino che fa o che ha fatto scautismo riuscirà ad affrontare tutte le difficoltà nella vita, perchè le affronterà sempre con il sorriso e in un modo o in un altro una soluzione la troverà sempre. Perchè è questo che fa uno scout: VIVE.

Oltre a vivere tutto questo, con il nostro gruppo abbiamo anche dei momenti di condivisione con altri Reparti. Questo avviene soprattutto durante un particolare campo, il "San Giorgio" che vede tutti i reparti della zona di Cagliari in un unico campo a giocare e a pregare insieme, ricordandoci del nostro Santo Patrono, appunto San Giorgio. É proprio per questo che ci troviamo a scrivere questo articolo; infatti come preparazione pre-campo é stato chiesto a ogni squadriglia (gruppo di ragazzi componenti del reparto, maschi o femmine, formata da 5 a 7 persone) di compiere un' impresa di squadriglia, cioé qualcosa che la squadriglia deve fare autonomamente, che poteva occupare diversi ambiti, tra cui quello da noi scelto, il giornalismo.

Questo ci sta interessando molto e si sta rivelando anche molto utile. La nostra squadriglia é formata da 7 persone, tra cui c'é un caposquadriglia, un vice caposquadriglia e altre 5 squadrigliere. Siamo molto in sintonia tra di noi e riusciamo sempre a fare quello che ci viene richiesto. Insomma lo scautismo é una vera palestra di vita.

La Squadriglia Pantere del Gruppo Capoterra II

Francesca Pantaleo, Elena Lao, Alessandra Serreli, Sara Pisano,

Letizia Montalbano, Giulia Zuddas, Fedra Meloni, Letizia Montalbano, Sara Pisano

pantereCAP2SanGiorgio2013