Messaggio dell'arcivescovo #Miglio per il #Natale @diocesicagliari

  • Stampa

 

«Conoscete infatti la grazia del Signore nostro Gesù Cristo: da ricco che era si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà» (2Cor.8,9).

La parola povertà fa parte da sempre del vocabolario natalizio, e richiama principalmente l’attenzione sulla povertà materiale in cui si è trovata a Betlemme la santa famiglia venuta da Nazaret, quando per Maria si compirono i giorni del parto e non trovò di meglio che una mangiatoia dove adagiare il suo bambino. La tradizione natalizia si esprime con particolare dolcezza nei canti, che mettono in evidenza la tenerezza materna di Maria, la premura discreta di S. Giuseppe e soprattutto la povertà estrema in cui è avvenuta la nascita di Gesù. Non è difficile intuire quale fosse la condizione di una famiglia partita da Nazaret verso Betlemme per il censimento, poi fuggita in Egitto a motivo della ferocia di Erode, quindi nuovamente in viaggio per tornare prima in Giudea poi finalmente a Nazaret. Ma ciò che ha colpito in modo speciale la tradizione popolare è anche un altro tipo di povertà: quella di un Dio onnipotente che diventa creatura fragile e limitata. La povertà esteriore di Betlemme e di Nazaret non fa altro che sottolineare la vera povertà cui Dio ha voluto sottoporsi. Veramente la tradizione popolare natalizia ha colto nel segno, mettendo in evidenza il cuore del messaggio che ci viene dal Natale di Gesù: Dio ha voluto farsi povero. Se la povertà materiale del Bambino di Betlemme ci commuove ogni anno e ci apre il cuore a rinnovare il “miracolo di Natale” (come avviene sulla scalinata di Bonaria), l’altra povertà, quella di un Dio che diventa debole e fragile creatura, ci interpella e ci mette in crisi, proprio a motivo della strada che Dio ha deciso di seguire per venire a salvare l’uomo. La forza di Dio si manifesta nella sua debolezza! Una scelta paradossale di Dio, che di colpo mette in ridicolo tutte le nostre pretese di superiorità, di supremazia, di prestigio, di potere da esercitare sugli altri, e ci aiuta a capire come mai ogni volta che proviamo a risolvere i nostri problemi e quelli della società con un tipo di forza che schiaccia il più debole non raggiungiamo mai risultati veri e duraturi.

Il messaggio di Natale è una Parola che bussa e chiede di entrare in tutta la nostra vita e nella vita di ogni società che desideri essere realmente a misura d’uomo. Questa Parola ci dice che la vera forza per risollevarci si trova nella nostra disponibilità a condividere la povertà dei più deboli, mettendo loro al primo posto e misurando su di loro ogni progetto di crescita umana, culturale e sociale. Questo è il senso dell’attesa particolarmente viva nell’atmosfera natalizia. C’è attesa di bontà, che significa possibilità di essere ascoltati e compresi, di guardarsi reciprocamente con occhi diversi nonostante le tensioni, i problemi, le divisioni. Possibile che il mondo per camminare abbia sempre bisogno di minacce e di paure? A Natale si può almeno intuire che la bontà di Dio incarnata nel Bambino di Betlemme è ben più forte della ferocia di Erode. C’è anche molta attesa di solidarietà, e a Natale si scopre ancora una volta che la solidarietà più forte e più efficace è proprio quella che nasce dalla condivisione di sofferenze e povertà, ed è possibile, perché Dio per primo ha voluto essere pienamente solidale con noi.

+ Arrigo Miglio
Arcivescovo di Cagliari